Home/Anime, Manga, Recensione/5 cm al secondo

5 CM AL SECONDO

5 cm al secondo foto 1
5 cm al secondo foto 2

GENERE: Romantico, Sentimentale, Slice of life

VOLUMI: 2

TARGET: Shōjo

5 cm al secondo mi è stato regalato, ammetto di non averlo mai visto prima, ma sono quel tipo di persona che apprezza notevolmente, e forse anche di più, i manga un pò meno conosciuti. 5 cm al secondo (秒速5センチメートル Byōsoku go senchimētoru) è la velocità alla quale un petalo di ciliegio si distacca dall’albero e cade al suolo. Ma di cosa parla? Cosa vuole significare un titolo così? Andiamo per ordine.

Icona Takaki

Takaki

Icona Akari

Akari

Le vite di Akari Shinohara e Takaki Tono, due allievi delle elementari, prendono strade diverse. Nonostante il tempo e la distanza li spingano verso nuovi orizzonti, i due cercano costantemente di mantenere il proprio legame. 5 cm al secondo è la storia di un amore nato durante l’adolescenza, tra i banchi di scuola, e che cerca di resistere al futuro e l’età adulta. Entrambi i protagonisti sono uniti da una comune passione per la letteratura e trascorrono le giornate insieme dopo scuola, scoprendo sempre di più l’uno dell’altro. Ma quando Akari è costretta a trasferirsi, il rapporto inizia mano a mano a sgretolarsi e limitato solo ad un breve scambio di lettere. Takaki decide così di intraprendere un viaggio per incontrare nuovamente la sua compagna che non rivede ormai da tempo, in un lungo viaggio in treno, in una gelida serata d’inverno…

Makoto Shinkai si conferma ancora una volta un talento della cinematografia Giapponese.

I protagonisti di questa storia sono Takaki e Akari, un ragazzo ed una ragazza che frequentano la stessa classe. Il primo volume si apre con normalissime scene di vita scolastica e quotidiana, nelle quali i due vanno estremamente d’accordo e passano molto tempo insieme. Un giorno, mentre stanno tornando da scuola, si imbattono nei ciliegi in fiore e restano ad ammirarne lo spettacolo ammaliati. Il titolo dell’opera infatti non è certamente un caso, è un ricordo vivido nella mente dei protagonisti di quando quel giorno dopo scuola, Akari spiega a Takaki che è 5cm al secondo, la velocità alla quale i petali di ciliegio cadono dall’albero al suolo. Ed è proprio sotto i ciliegi in fiore che i due si fanno la promessa di tornare a rivedere quel meraviglioso spettacolo anche l’anno successivo… ma il presente non è così semplice da affrontare. Akari infatti, a causa del lavoro del padre, è costretta a trasferirsi ed a distaccarsi dal suo compagno di classe. Passano i mesi, i due si scambiano continue lettere e telefonate, ma ovviamente ora la situazione non è la stessa.. ma è proprio in questa distanza che Takaki riesce ad esprimere tutto ciò che prova per Akari in una lettera d’amore che vorrebbe consegnarle appena si incontreranno.

Finalmente 4 marzo, Akari e Takaki decidono di incontrarsi e Takaki prende un treno, che a causa della neve, impiega molto più del previsto per giungere a destinazione. Nonostante il ritardo, Akari è lì ad aspettare Takaki nella sala d’attesa della stazione dove si erano dati appuntamento, e tra i due scoppia subito una forte emozione. Subito dopo essersi salutati, fuori la stazione sotto un ciliegio spoglio, i due si scambiano un tenero primo bacio e passano la notte insieme in una casa abbandonata dormendo abbracciati l’uno accanto all’altro. Il mattino seguente Takaki deve riprendere il treno per tornare a casa, non prima però di aver consegnato ad Akari la lettera che le aveva scritto. I due quindi si separano. Gli anni passano e Takaki si è ormai trasferito da Tokyo, a causa del lavoro del padre, e frequenta una nuova scuola. Qui fa la conoscenza di Sumida, una ragazza della sua stessa classe che sin dal primo momento si è innamorata perdutamente di lui, ma Takaki sembra non accorgersene mai, fino a quando lei decide di dichiararsi anche se è evidente che non viene ricambiata perché quest’ultimo pensa ancora alla sua compagna Akari.

Nel secondo volume vediamo un Takaki molto più maturo, sono passati diversi anni, e ora lavora in un ufficio ed è fidanzato con una ragazza di nome Risa Mizuno, per cui pensava di provare dei sentimenti profondi. La relazione con lei va avanti per un pò di tempo, ma Takaki si rende conto che è inutile nascondere i suoi veri sentimenti ed entrambi decidono di comune accordo di lasciarsi e andare avanti ognuno per la sua strada. Un giorno però il destino gioca la sua carta e Takaki e Akari si incontrano di nuovo per caso… ma ormai è troppo tardi. Takaki si rende conto che Akari indossa una fede al dito, e decide così che per il suo cuore è ora di dimenticare quell’amore profondo vissuto a 13 anni per quella ragazza e di ricominciare finalmente a vivere. Nel frattempo Sumida, non è ancora riuscita a dimenticare Takaki, e decide quindi di andare a Tokyo nella speranza di incontrarlo per poter capire se i suoi sentimenti nei suoi confronti sono cambiati oppure no. Il manga si conclude con Sumida che parla al telefono con sua sorella per dirle che ha finalmente rintracciato il nuovo numero di telefono di Takaki e che se volesse potrebbe incontrarlo da un momento all’altro… ma dopo aver riagganciato, lo sguardo di Sumida sorpreso si sposta verso qualcuno… qualcuno che però non vedremo mai.

L’adattamento anime del manga è un lungometraggio, sentimentale e dai toni intensi, ideato e diretto da Makoto Shinkai. Si tratta di un film d’animazione suddiviso in tre episodi incentrati su tre momenti diversi della vita di Takaki e Akari. Il film affronta l’evolversi di questo legame, dalla tenera adolescenza all’età adulta, accompagnato dagli ostacoli e dalla lontananza che separa fin da subito i due protagonisti.

Per gli amanti dei sentimentalismi, storie d’amore complicate e teneri legami, consiglio vivamente la lettura di questo manga. Makoto Shinkai non si smentisce nemmeno questa volta, almeno per me, e ci trasporta in una storia d’amicizia pura che poi matura e cresce, lasciando spazio alle distanze. E’ una storia d’amore diversa, dai toni molto delicati e che forse non è così fiabesca come la maggior parte delle altre storie, ma più realistica.. e questo l’ho apprezzato molto. Consiglio di leggere il manga anche a chi, vuole tornare a sperare in una storia d’amore in cui non ha mai creduto abbastanza oppure a chi vuole ricordare qualche amore passato con un sorriso.

Accoglienza: 5 cm al secondo ha vinto il Lancia Platinum Grand Prize nel 2008, ovvero il premio come miglior lungometraggio d’animazione ed effetti speciali.

Ecco qui come sempre qualche scena presa sia dal manga che dall’anime 🙂

Copertine

Votazione finale

TRAMA 85%
MANGA 80%
ANIME 90%

Voto ⭐⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐