Home/Anime, Recensione/Violet Evergarden

VIOLET EVERGARDEN

Violet Evergarden foto 1
Violet Evergarden foto 2

TARGET: Seinen

GENERE: Drammatico, Sentimentale, Light novel

EPISODI: 13

STAGIONI: 1

DISPINIBILE SU: Netflix

Violet Evergarden (ヴァイオレット・エヴァーガーデン) è una serie di light novel scritta da Kana Akatsuki e illustrata da Akiko Takase. Già dai primissimi minuti della prima puntata si capisce di avere a che fare con qualcosa di superiore rispetto alla maggior parte degli anime in circolazione. Un compartimento scenografico e visivo davvero stupefacente. Ecco cosa mi ha spinta a guardare per la prima volta Violet Evergarden!

Icona Violet

Violet

 

Violet, è una ragazza molto speciale con grandi occhi blu, capelli argentati e mani meccaniche dalle protesi d’argento. Reduce di guerra infatti, durante un’operazione militare, venne catturata e fatta prigioniera per conto dell’esercito di Leidenschaftlich, intenzionato a sfruttarne a proprio favore le capacità belliche e la grande strategia d’attacco che possedeva. Violet cresce e viene addestrata come un perfetto cadetto militare, obbediente e consenziente a spezzare a sangue freddo qualsiasi vita umana. In questo mondo di truppe e missioni segrete, Violet conosce il Maggiore Gilbert, un uomo estremamente gentile che invece di trattarla come un’arma, ha cura di insegnarle i valori della vita e dei sentimenti per farle capire che esiste dell’altro oltre agli ordini dei suoi superiori. Violet è incapace di amare, provare emozioni, felicità, tristezza o delusione… è come se non avesse un cuore ma solo un enorme vuoto nel petto. Non riesce a gioire quando è felice, oppure piangere quando è triste perché non conosce né l’allegria né la malinconia. Il mondo in cui vive è un mondo a toni scuri e cupi, una realtà bianca e nera senza nessun colore, nessun calore.

Tuttavia, una volta conclusa la grande guerra nella quale era impegnata, Violet viene reintegrata tra i civili grazie ad un suo vecchio superiore che, preoccupato dal fatto che lei non abbia mai avuto niente e nessuno al di fuori dell’esercito, decide di regalarle l’opportunità di costruirsi una vita normale assumendola nella sua società di scrittura e spedizione di lettere lavorando come bambola di scrittura automatica. Cos’è una bambola di scrittura automatica? Semplicemente una addetta alla scrittura, che si occupa di redigere lettere e commissioni (come una sorta di postina). In fondo è vero.. Violet è senz’altro un’umana, ma ha atteggiamenti e movenze identiche a quelli di una bambola.

Da qui in poi, Violet inizia un commovente viaggio interiore alla scoperta delle emozioni umane e del significato delle parole “ti amo”, che il suo adorato comandante aveva pronunciato nell’ultimo istante condiviso insieme. Per Violet imparare ad amare, piangere, urlare, divertirsi e ridere vivendo incondizionatamente la propria esistenza, comporterà un viaggio attraverso se stessa ben più intensa e profonda di quanto si aspettasse.

“E un giorno, capirai che cos’è l’amore” è il quattordicesimo episodio dell’anime di Violet Evergarden che però narra delle vicende che si svolgono temporalmente tra il 4º e il 5º episodio della serie. Quindi può essere visto anche prima di aver terminato l’intera serie.

Sono stati previsti due film animati:

1. Violet Evergarden: Eternity and the Auto Memory Doll è uscito nelle sale cinematografiche giapponesi nel settembre 2019 ed è stato distribuito in tutto il mondo in streaming da Netflix a partire dal 2 aprile 2020.

2. Un secondo film animato, Gekijō-ban – Vaioretto Evāgāden, seguito della serie televisiva, era stato inizialmente annunciato per il 10 gennaio 2020[4], ma è ancora in fase di pubblicazione.

Violet Evergarden è un anime poetico ed estremamente dolce. Non è per chi ama i colpi di scena o le storie frettolose perché seppur a volte lento, è in grado di suscitare un’estrema dolcezza e armonia con le colonne sonore, il disegno (semplicemente perfetto), le animazioni e le ambientazioni. Tutto in Violet emana un’intensa atmosfera che avvolge lo spettatore, cullandolo in un viaggio tra le emozioni più intime. Puntata dopo puntata cresce per Violet la percezione della realtà e dei sentimenti che la pervadono e se ti affezionerai a questa protagonista, sarà difficile che non ti scenda anche una lacrimuccia di tanto in tanto. Consiglio di guardare Violet a chi sa aspettare, chi ama le storie profonde e chi sa godersi anche la “lentezza” di una bellezza che sa sbocciare pian piano. Non consiglio di guardare Violet invece a chi, come accennato prima, preferisce le storie avvincenti, ricche di frequenti colpi di scena e meno impegnative.

Accoglienza: Nekoawards 2019- Violet Evergarden vince la categoria miglior comparto visivo. Il pubblico su Imdb (Internet Movie Database) lo ha votato con un punteggio di 8.5 su 10.

Ecco qui qualche scatto preso dall’anime, per darvi un’idea dei disegni e del tratto caratteristico dell’anime 🙂

Copertine

Votazione finale

TRAMA 80%
PERSONAGGI 90%
ANIME 100%

Voto ⭐⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐