Home/Anime, Recensione/Un marzo da leoni

UN MARZO DA LEONI

GENERE: Drammatico, Slice of Life, Spokon

TARGET: Seinen

EPISODI: 44

DISPONIBILE SU: Netflix

Un marzo da leoni (3月のライオン 3-gatsu no raion), anche noto come March Comes in like a Lion, è un manga scritto e disegnato da Chika Umino, serializzato sul Young Animal di Hakusensha dal 13 luglio 2007.

Rei

Rei

Rei Kiriyama è un ragazzo timido e riservato, dai grandi occhi verdi e capelli nero corvino, che vive da solo in un quartiere di Tokyo. Appassionato da sempre dello shōgi, (il cosiddetto gioco dei funerali ovvero un gioco da tavolo strategico molto simile per filosofia di gioco a quelli che sono i nostri scacchi), gioca in qualità di professionista trascorrendo la maggior parte del suo tempo tra incontri amichevoli e non con altri sfidanti. Rei è decisamente un tipo poco socievole anche perché, rimasto orfano sin da piccolo a causa di un incidente che l’ha privato di tutta la sua famiglia, si è ritrovato troppo presto privato dell’affetto di qualcuno che l’amasse. Nonostante ciò, venne adottato da un caro amico del padre, Masachika Kōda dal quale ereditò la sua profonda passione per lo shōgi!

Ma la vita per il piccolo Rei non sarà gioiosa neanche con questa nuova famiglia! L’invidia mostrata da parte della famiglia adottiva e dei suoi fratellastri nei suoi confronti lo spingeranno infatti, senza ripensamenti, ad abbandonare quella sua vecchia vita fatta di stenti per traslocare da solo nel Rione Giugno a Tokyo. Ed è proprio nel Rione Marzo, quartiere limitrofo al suo, che Rei incontra le uniche persone in grado di riuscire ad avvicinarlo, le dolcissime tre sorelle Kawamoto così diverse tra di loro eppure così simili al nostro protagonista. Akari, la più grande delle tre estremamente gentile e piena di attenzioni, Hina che frequenta le scuole medie e decisamente più esuberante e la piccola Momo così dolce e super affezionata a Rei come se fosse il suo fratellone. Nonostante i loro occhi dolci, le guance rosee e l’affetto sincero che provano l’un l’altra e nei confronti di Rei, anche loro nascondono un passato estremamente difficile.

L’intera storia si svolge e affronta la maturazione e crescita personale sia come giocatore professionista di shōgi che come uomo, di Rei…che sembra essere così distante dall’idea di felicità ma così fortemente bramoso! Un’incredibile storia di crescita, amore, profonda depressione e rinascita! Ecco cos’è Un marzo da Leoni!

Il manga, è scritto e disegnato da Chika Umino. Il primo volume tankōbon è stato pubblicato il 22 febbraio 2008 ed in Italia la serie è stata annunciata al Romics 2010 da Planet Manga e pubblicata a partire da febbraio 2011. I tankobon attualmente disponibili in Italia, sono 15 ed ancora in corso.

In Giappone un omonimo film live action, diviso in due parti, è uscito tra il 18 marzo e il 22 aprile 2017. Lascio in alto a destra un piccolo trailer!

Un marzo da leoni è una storia di un gioco che conquista, affascina e coinvolge quel lettore che è disposto ad apprezzare il fatto che uno sport possa salvare una vita. Un marzo da leoni, sul piano del compartimento animato dell’anime, è impeccabile (almeno per me). Disegni sì curati, ma in un modo tutto loro.. come i visi dei protagonisti, denotati da contorni labbra ed occhi che sembrano quasi dipinti. I colori sembrano essere usciti fuori direttamente da una tavolozza di acquerelli e dalla pennellata di un artista! Il tratto in generale è originale e fresco e ho apprezzato molto le colonne sonore sia dell’opening che della ending.

Non nego che a volte la storia si svolge abbastanza lentamente e che allo spettatore non è spiegato tutto immediatamente.. ma forse anche questo è stato un aspetto che ho apprezzato! Scoprire la storia a piccole dosi e apprezzarne i dettagli…

Consiglio dunque un marzo da leoni a chi vuole emozionarsi e a chi sa aspettare.. mentre non lo suggerisco affatto a chi non ama in primis gli anime spokon o a chi è alla ricerca di un anime che finisca in fretta. Vi ricordo infatti che un marzo da leoni conta 44 episodi tra una prima e seconda stagione! In particolare, la prima stagione è stata una trasposizione animata decisamente fedele al manga seinen dell’autrice Umino.

Accoglienza: La serie è stata nominata al 2° Manga Taishō nel 2009 e ha vinto l’omonimo premio nel 2001. Sempre nello stesso anno, ha ottenuto il Premio Kodansha per i manga nella categoria generale assieme a Uchu kyodai – Fratelli nello spazio di Chūya Koyama ed ha vinto la diciottesima edizione del Premio culturale Osamu Tezeuka.

Ecco qui qualche scena presa direttamente dall’anime!

Copertine

Votazione finale

TRAMA 70%
ANIME 90%

Voto ⭐⭐⭐⭐/ ⭐⭐⭐⭐⭐