Home/Anime, Recensione/The tale of Genji

THE TALE OF GENJI (1987)

GENERE: Storico, Romantico, Drammatico

TARGET: Seinen

DISPONIBILE SU: Streaming Online

Il Genji Monogatari (源氏物語 lett. “Il racconto di Genji”) è un romanzo dell’ undicesimo secolo, scritto dalla dama di corte Murasaki Shikibu vissuta nel periodo Heian e considerato uno dei capolavori della letteratura giapponese.

L’adattamento animato del 1987, è stato diretto da Gisaburō Sugii e ritrae gli elementi della prima parte del romanzo, dipingendo la vita di Genji nella corte imperiale durante il periodo di Heian.

Genji

Genji, figlio di un imperatore giapponese del periodo Heian, è un uomo dalla straordinaria ed eterna bellezza quasi femminea e conosciuto da tutti come Genji lo splendente.

Rimasto senza madre che morì durante la sua infanzia, Genji crebbe avendo come unico riferimento la figura assente del padre e questo causerà in lui l’inizio di un profondo malessere dettato da un affetto che è evidentemente mancato. Questo senso di amore mancato e di una madre che potesse crescerlo, lo costringerà una volta adulto a vagare di donna in donna alla ricerca di una pace interiore. E proprio questo eterno vagare di braccia, sarà per lui una vera e propria condanna.

Prima tra tutte che sembra riuscire a prendersi cura del suo cuore, è Dama Fujitsubo, che altri non è che la nuova compagna del padre imperatore, molto più giovane e affascinante di quest’ultimo. Estremamente somigliante alla madre scomparsa, Genji si innamora follemente e perdutamente di lei, e quando può cerca di incontrarla nel cuore della notte e nella totale oscurità, affinché il padre non lo venga mai a scoprire. Purtroppo però, entrambi sanno che il loro non è un amore sano, ne tantomeno possibile e per quanto doloroso sia, decidono di non rincontrarsi più… anche perché Genji è promesso sposo di un’altra donna che però non riuscirà mai a soddisfarlo e spegnere in lui il desiderio che prova per la sua dama.

Dopo tragiche conseguenze della sua ossessione d’amore, Genji vaga da un amore all’altro nella speranza di placare quel senso di inquietudine e malessere che non smetterà mai di accompagnarlo…come fosse alla ricerca di un qualcosa che possa completare la sua esistenza e che può trovare solo nell’amore della sua donna ideale.

Non basteranno la sua eleganza e bellezza a salvarlo da una vita tormentata, in una società in cui reprimere i sentimenti che si provano è più naturale che esprimerli. Una società in cui un uomo come Genji non può abbandonarsi ai propri desideri perchè deve ricoprire rigorosamente e soltanto il ruolo di principe del paese.

Esiste un adattamento a fumetti del celebre Genji Monogatari di Murasaki Shikibu, dal nome originale Genji monogatari asakiyumemishi. La serie conta 13 volumi ma è attualmente inedito in Italia.

Oltre all’adattamento animato del 1987, esiste anche una serie animata di undici episodi ed un primissimo film del 1951 diretto da Kōzaburō Yoshimura.

Ebbene, la storia di Genji ha un non so che di malinconico che credo non venga capito a pieno da chiunque guardi il film, che potrebbe invece indicarlo come noioso ed eccessivamente lento.

Non metto in dubbio che sia lento… non a caso le scene sono spesso ripetitive e solitamente accompagnate dagli stessi luoghi (castello o giardino) e anche l’animazione stessa abbastanza “vecchiotta” potrebbe per qualcuno risultare pesante.

Ciò nonostante, l’ho personalmente trovata comunque una gradevole visione che mi ha trascinata per qualche ora in un mondo antico e quai del tutto scomparso. Un vero e proprio tuffo nel Giappone più vero, ricco di tradizioni, usi e costumi. Per gli amanti del genere, sono sicura che sarà una piacevole scoperta (se ancora non lo conoscete).

Anche le musiche che fanno da sfondo alle scene sono estremamente rilassanti (quasi mistiche), in grado di trasportare lo spettatore nel cuore del periodo Heian.

Per chi ha voglia di guardare Genji Monogatari, ricordatevi che è un anime storico e che si basa su un romanzo dell’undicesimo secolo e che soprattutto è uscito nell’87. Se avete voglia di uno stile più fresco, vi consiglio di guardare la serie animata di 11 episodi che ripercorre in una chiave decisamente più moderna, la storia del principe.

Seppur l’adattamento animato del 1987 non allude a particolari spiriti o Mononoke, nel romanzo la figura di Lady Rokujo è decisamente più importante in quanto donna del passato di Genji e che viene abbandonata da quest’ultimo. A causa della gelosia e rancore di Lady Rokujo, quest’ultima si tramuterà in uno spirito maligno che tenterà di opporsi alla felicità del principe, uccidendo senza pietà le donne che lo ameranno.

Inoltre nell’adattamento animato del 1987 è interessante notare come Genji non fa altro che attribuire ai fiori di ciliegio (che saranno ricorrenti in alcuni momenti importanti della sua vita e che normalmente sono simbolo di bellezza) una connotazione decisamente negativa, come se fossero la causa del suo malessere interiore perché forse gli unici elementi in grado di riuscire a colpevolizzare per la sua sfortuna e a cui riesce ad attribuire una colpa che, purtroppo non c’è.

 

Ecco qui qualche scena dell’anime!

Copertine

Votazione finale

TRAMA 70%
ANIME 75%

Voto ⭐⭐⭐/ ⭐⭐⭐⭐⭐