NORAGAMI

GENERE: Soprannaturale, Fantasy

EPISODI: 12

TARGET: Shonen

DISPONIBILE: Netflix, VVVVID

Ho iniziato la visione di Noragami, spinta dalla fama e dalle recensioni che aveva sul web, dato che non l’avevo mai visto prima e con mia piacevole scoperta, mi imbatto in un anime interessante.

Noragami (ノラガミ? lett. “Dio randagio”) è un manga giapponese di genere soprannaturale, scritto e illustrato da Adachitoka. I capitoli del manga sono stati raccolti in volumi tankōbon a partire dal 15 luglio 2011 e sono attualmente 21 ancora in corso. Un adattamento anime, prodotto dallo studio Bones, è stato trasmesso in Giappone dal 5 gennaio al 23 marzo 2014 mentre una seconda stagione dell’anime, è stata annunciata ad aprile 2015 ed è andata in onda dal 2 ottobre fino al 29 dicembre dello stesso anno su VVVVID.

Yato

Hiyori

Yukine

Ci sono momenti in cui sentiamo il bisogno di un aiuto superiore, e chi meglio del Dio Yato può aiutarci?!

Protagonista della nostra storia, è Hiyori Iki, una studentessa di scuola media che rimane coinvolta già dalla prima puntata, in un incidente investita da un autobus, mentre tenta di salvare la vita ad un ragazzo che aveva appena incrociato per strada. Yato è il suo nome, ma non si tratta di un semplice studente come lei, ma letteralmente di un Dio. Un Dio che aiuta chi lo chiama in cambio di 5 semplicissimi yen. Dal giorno dell’incidente però, Hiyori ha la capacità di staccare la propria anima dal suo corpo materiale, rendendola così un mezzo spettro in grado di interagire con il mondo degli dèi e dei morti. Ecco perché riesce a vedere e percepire la presenza anche di Yato che altrimenti sarebbe invisibile a chiunque. Durante questo periodo di conoscenza della nuova forma di Hiyori, Yato è alla ricerca di uno Shinki, un cosiddetto Strumento Divino, ovvero l’anima di una persona morta in passato in grado di uccidere gli spettri una volta trasformato in arma. Sarà proprio Yukine, un giovane ragazzo adolescente dagli occhi rosso fuoco, ad essere incaricato e proclamato come strumento divino del Dio Yato, sottoforma di spada, ma non sembra che questa accoppiata sia vincente perché Yukine non ha alcuna intenzione di collaborare con il suo padrone. Ogni volta che Yukine commette reati o agisce con violenza, dato che il padrone dello strumento divino e questo stesso sono un unico corpo e mente, su Yato si riversa prepotentemente una sorta di maledizione chiamata “corruzione” che ovviamente non porterà a nulla di buono.

Noragami debuttò sul numero di gennaio 2011 della rivista Monthly Shōnen Magazine di Kōdansha, pubblicato il 6 dicembre 2010 e nell’ottobre del 2019 sono stati pubblicati 21 volumi in formato tankōbon. I volumi dal 9 all’11, dal 15 al 18 e 20 sono stati pubblicati simultaneamente insieme ad un’edizione limitata, contenente un drama CD nel primo caso ed episodi anime in DVD per gli altri tre. Alcuni capitoli extra della serie sono stati pubblicati come spin-off sulla stessa rivista di Monthly Shōnen Magazine.

Esistono due OAV di Noragami, annunciati nel 2014, con i seguenti titoli italiani:

1. Possessione divina, maledizione divina

2. Promessa di primavera.

Noragami è stata una piacevole visione sin dall’inizio. La opening mi è molto piaciuta sia per colonna sonora che per i disegni, interamente in bianco e nero con soli gli occhi dei personaggi evidenziati da colori brillanti. Non posso non sottolineare dei leggeri buchi di trama e poca caratterizzazione dei personaggi secondari, ma tutto sommato l’anime scorre tranquillamente. Non l’ho ritenuto affatto pesante, anzi.. credo che l’esatta forza di Noragami sia l’incastro perfetto tra la drammaticità degli eventi che susseguono e la comicità e divertimento dei personaggi che si affiancano.

Il finale estremamente aperto però (che conduce ad un’altra stagione già disponibile) ci proietta verso un continuo della serie che spero riesca a colmare questi piccoli dettagli che renderebbero l’anime molto interessante più di quanto già sia. Le premesse ci sono tutte, i personaggi principali sono carismatici e ben definiti nel loro carattere, basta soltanto un pizzico in più di rafforzamento della trama ed il gioco è fatto!

Consiglio Noragami a chi, come me, era alla ricerca di un anime piacevole e allo stesso tempo leggero, con disegni davvero ben fatti e personaggi bizzarri ed anche qualche combattimento nel mezzo. Se siete alla ricerca di una trama complessa, di un anime che sappia stupirvi alla fine con inaspettati colpi di scena, ve lo sconsiglio caldamente.

Su Imdb il pubblico lo ha votato con 7.9 su 10. L’anime è estremamente fedele al manga, se non per qualche piccolo dettaglio che viene omesso o trasformato.

Ecco qui qualche scena presa dall’anime per mostrarvi il tratto dei disegni ed aiutarvi a decidere se potrebbe interessarvi 🙂

Copertine

Votazione finale

TRAMA 70%
ANIME 80%

Voto ⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐