MONONOKE

Mononoke foto 1
Mononoke foto 2

GENERE: Soprannaturale, Mistero, Psicologico, Horror

TARGET: Seinen

EPISODI: 12

DISPONIBILE SU: VVVVID

Ohayo!

Se sei qui per sapere di cosa parla Mononoke sei nel posto giusto! L’ho appena concluso e posso dire senza giri di parole che si tratta di un anime PAZZESCO. Abbandonate qualsiasi concezione che avete di anime e immergetevi in un mondo a parte, un mondo di colori sgargianti e di immensa cultura, folclore e animo giapponese. Mononoke è un anime a sè. Non ha niente a che vedere con gli anime che ho visto finora e penso che difficilmente un altro possa essere eguagliato in trama o ambientazione con questo.

Mononoke (モノノ怪) è una serie televisiva anime giapponese prodotta da Toei Animation, con 12 episodi ed una sola stagione.

Medicine Seller

Medicine Seller

Mononoke è lo spin-off di “Ayakashi: Japanese Classic Horror”. Se siete preoccupati perché non lo avete ancora recuperato, non c’è problema perché neanche io l’ho ancora visto. In quanto spin-off infatti, Mononoke ha una storia a parte, che vede protagonista un giovane farmacista, dall’apparenza cupa e misteriosa che girovaga in cerca dei Mononoke. E che cos’è un Mononoke?

Un Mononoke nella cultura giapponese è uno spirito, che può trasformarsi in un potente mostro dopo essere entrato in contatto con emozioni e sentimenti umani. Nella letteratura classica giapponese e del folclore religioso questi spiriti possono impossessarsi di un essere umano e di farlo soffrire, causandone malattie o addirittura la morte. Occorre fare questa premessa per non scambiare i mononoke con dei fantasmi.

La storia dunque si evolve in 12 episodi, che si svolgono in cinque archi narrativi differenti con avventure che terminano in circa 2/3 episodi rispettivamente, e quindi autoconclusivi. Per tale motivo i personaggi, le epoche e le ambientazioni sono ovviamente sempre diverse ma pur sempre bellissime. Lo scopo del protagonista è esorcizzare lo spirito a cui sta dando la caccia, per far tornare sia quest’ultimo che l’anima umana che ha imprigionato, nella pace eterna. Per la sua missione, lo speziale utilizza una particolarissima spada, la spada Taima, e dei bilancini che non misurano il peso ma la posizione nelle vicinanze del Mononoke.

Tuttavia per sguainare la spada Taima, allo speziale serve essere a conoscenza dapprima della Verità (l’origine dell’odio che ha generato il Mononoke), della Forma (la tipologia del Mononoke) e della Ragione (l’evento scatenante l’odio del Mononoke) dello spirito.

Nell’attesa di riuscire a capire questi tre attributi fondamentali per esorcizzare lo spirito, lo spettatore viene travolto e catapultato in un’atmosfera incredibile. Un’atmosfera surreale. Un’atmosfera troppo complessa da poter raccontare in queste righe.

Mononoke è lo spin-off di “Ayakashi: Japanese Classic Horror”.

Sembra ovvio, da quanto scritto prima, che consiglio questa serie al 100%. Mai come questa volta penso di essere di fronte ad una serie molto complessa e inquietante con una scenografia sviluppata in modo impeccabile. I colori fortissimi e brillanti, le musiche tipiche tradizionali della cultura giapponese, ed i mille dettagli nascosti in quest’anime mi spingono a consigliarlo senza ombra di dubbio. Lasciatevi trasportare dal tutto, fatevi confondere dai colori e dalle musiche, e seguite assieme al protagonista i passati degli spiriti in pena in questo mondo.

Mononoke è un anime impegnativo, da seguire ed osservare attentamente, e per chiunque voglia iniziarlo sono certa che saprà catturarvi con la propria magia, a tratti surreale, a tratti macabra. Ogni puntata somiglia ad un quadro che prende vita, a volte gli sfondi in cui si svolgono le vicende si muovono mentre i cieli ed i mari non sono così blu come siamo abituati a pensare.

Grazie al successo ottenuto, Mononoke ha ispirato due manga, adattamenti di due archi narrativi dell’opera originale, pubblicati rispettivamente nel 2007-2008 e nel 2014.

Mononoke è colmo di richiami ed ispirazioni al mondo del folclore giapponese, tra i quali ricordo precisamente il richiamo al Genji Monogatari, il romanzo dell’XI secolo considerato come uno dei capolavori della letteratura giapponese, durante il quarto atto di episodi; oppure la leggenda della Nue, una creatura mitologica che cambia forma a seconda della posizione da cui si vede. Altro richiamo evidente è la figura del Noppera-bō, lo spirito senza faccia, che accompagna la storia del terzo atto di episodi.

Ecco qui qualche scena dall’anime per far meglio capire di che tipo di serie sto parlando 🙂

Votazione finale

TRAMA 80%
ANIME 95%

Voto ⭐⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐