Home/Anime, Recensione/Jibaku shōnen Hanako-kun

JIBAKU SHONEN HANAKO-KUN

Hanako foto 1
Hanako foto 2

GENERE: Mistero, Scolastico

EPISODI: 12

TARGET: Shonen

DISPONIBILE: Streaming Online

Jibaku shōnen Hanako-kun (地縛少年花子くん), noto anche con il titolo internazionale Toilet-Bound Hanako-kun, è un manga del 2014 scritto e disegnato da Iro Aida e pubblicato sulla rivista Monthly GFantasy della Square Enix.

Hanako icona

Hanako-kun

Yashiro Nene

Minamoto Kou

In un mondo senza vita e morte, le persone che non sanno arrendersi sono inarrestabili

L’Accademia Kamome è una scuola celebre per essere collegata ad alcuni eventi sovrannaturali ed inspiegabili come la presenza dei “7 misteri” irrisolti. Credenze su apparizioni e leggende legate tra di loro dalla figura di Hanako, il fantasma che secondo le voci di corridoio della scuola, infesta ed abita i bagni dell’istituto. Chi riesce a richiamare ed evocare Hanako infatti, ha la possibilità di esaudire un desiderio che verrà avverato dallo stesso spirito a condizione di uno scambio da parte di chi lo richiede.

Yashiro Nene è una studentessa del primo anno iscritta al club di giardinaggio, che desiderando assolutamente una storia d’amore insieme al ragazzo perfetto, decide di evocare il fantasma per poter avverare il suo sogno. Yashiro si imbatte così in uno spirito dalle sembianze maschili, un ragazzo pressoché della sua età, che rivela di essere il settimo ed ultimo dei misteri dell’accademia Kamome, di nome Hanako!

Hanako è un ragazzo spiritoso e spavaldo ma allo stesso tempo all’inizio abbastanza irritante nella vita di Nene, che per colpa di uno sfortunato evento (ha ingoiato per sbaglio una squama di sirena che la porta a trasformarsi in un pesce se viene a contatto con l’acqua), è costretta a lavorare come assistente di quest’ultimo e accompagnarlo nelle vicende misteriose che popolano la scuola.

Un altro personaggio che farà la comparsa nella storia è Minamoto Kou, un ragazzo appartenente ad una famiglia di discendenti esorcisti e che inizialmente aveva intenzione di esorcizzare Hanako in qualità di spirito, ma poi non riuscendosi cambia idea e si unisce ai protagonisti (anche perchè sembra avere un debole per la dolce Yashiro). Minamoto infatti altri non è che il fratellino del presidente del consiglio studentesco, motivo dei desideri d’amore di Nene che la spinsero ad evocare Hanako in precedenza.

Una volta uniti, i tre si ritroveranno a purificare le apparizioni corrotte della scuola per poter svelare la verità che si nasconde dietro i sette misteri che la popolano.

Tuttavia anche Hanako è un mistero della scuola, nonché il settimo a capo di tutti gli altri e colui che mantiene l’ordine tra umani e apparizioni. Qual è il passato di Hanako? Come è riuscito a diventare un Mistero e chi era prima di esserlo? E perché porta sempre con sé come arma proprio un coltello da cucina?

Il manga è scritto e disegnato da Iro Ada, e i capitoli della serie vengono pubblicati su Monthly GFantasy di Square Enix. In Italia la serie sarà distribuita da J-Pop nell’autunno 2020 e ad oggi i volumi disponibili in lingua inglese sono 11.

Dunque, premettendo che l’anime di Jibaku shōnen Hanako-kun mi sia piaciuto molto non posso non tenere conto di alcune evidenti mancanze che ho riscontrato durante la visione e che lo ha reso almeno per me, un anime a metà. Innanzitutto credo di dover sottolineare che sicuramente il tratto del disegno, lo stile delle vignette, l’uso di colori caldi e la presenza di personaggi così dolci contribuiscono al successo di quest’anime così particolare. Già dal primo episodio ho amato alla follia lo stile (se vogliamo Chibi) dell’intera serie! Non avevo mai sperimentato prima un tratto del genere ma devo dire che l’ho davvero apprezzato. Ovviamente questa è una considerazione e gusto personale, quindi vi consiglio di dare un’occhiata prima a qualche scena dell’anime per farvi un’idea se può essere nelle vostre corde.

Passando alla trama purtroppo, ho notato davvero tantissime mancanze sia per quanto riguarda i personaggi principali che per la trama in sé. Molti buchi di trama e storie che sembrano leggermente scollegate tra loro pur sempre accompagnate da un adattamento animato che almeno per 12 episodi, riesce a colmare questa mancanza. Spero in una seconda stagione, che saprà riparare questi aspetti negativi perché è una serie che a mio parere ha del potenziale ed una trama diversa!

Una nota positiva è che il manga, è decisamente ben fatto e per quanto all’inizio l’anime sia estremamente fedele al volume cartaceo, gli ultimi tre episodi sono totalmente diversi e scollegati cronologicamente rispetto a quest’ultimo. Sconsiglio quindi vivamente la visione a chi invece si è approcciato in primis al manga che, differentemente dall’anime, narra le vicende in modo più dettagliato e senza salti temporali e buchi di trama.

Consiglio la visione di questo anime invece a chi vuole provare ad approcciarsi ad uno stile di disegni diversi dal solito e sia alla ricerca di una visione leggera e senza molte pretese. Alla fine sono solo 12 episodi, quindi io una chance gliela darei!

Hanako-san (花子さん?) è un personaggio del folclore giapponese nonché di una leggenda metropolitana molto popolare tra i bambini e gli adolescenti. Quest’ultima narra di una bambina di nome Hanako il cui fantasma infesterebbe le toilette delle scuole giapponesi e, per questo motivo, è meglio nota come toire no Hanako-san. Secondo la leggenda, Hanako è solita infestare la terza cabina della toilette situata al terzo piano delle scuole elementari giapponesi mentre nell’anime Hanako è un ragazzo e occupa la prima porta del bagno della scuola!

Ecco qualche scena dell’anime per mostrarvi se può essere un genere adatto a voi e se potrebbe incuriosirvi, e soprattutto se potreste preferire un tratto così particolare 🙂

Copertine

Votazione finale

TRAMA 90%
ANIME 95%

Voto ⭐⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐