Home/Anime, Recensione/Charlotte

CHARLOTTE

Charlotte foto 1
Charlotte foto 2

GENERE: Drammatico, Soprannaturale

EPISODI: 13

TARGET: Seinen

DISPONIBILE: Netflix

Charlotte (シャーロット Shārotto) è una serie televisiva anime prodotta da Aniplex e realizzata da P.A.Works, trasmessa in Giappone tra il 4 luglio e il 26 settembre 2015. La storia è stata scritta e ideata da Jun Maeda, mentre il character design originale è stato sviluppato da Na-Ga.

Yuu Otosaka

Nao Tomori

 

No! Charlotte non è la protagonista della storia ne tantomeno il nome di qualche personaggio fondamentale.

Charlotte è in realtà una cometa, che passando accanto all’orbita terrestre ogni 75 anni, rilascia una polvere non specificata, capace di donare a chiunque la dovesse inalare dei poteri speciali che si manifestano una volta raggiunta l’adolescenza.

Yuu Otosaka, che è un ragazzo che ha l’abilità di possedere temporaneamente gli altri attraverso lo sguardo, trascorre la sua adolescenza usando questo suo potere per occuparsi delle sue sole esigenze, dalla scuola alla vita sentimentale. In questo modo, Yuu è sempre il primo a passare qualsiasi test a scuola, ad avere voti alti e conquistare con la sua eccezionale intelligenza, anche qualsiasi ragazza che gli si presenti nell’accademia prestigiosa nel quale è riuscito ad entrare (senza troppe fatiche).

Le giornate trascorrono tranquille, Yuu continua a sfruttare il suo potenziale con egoismo mentre tutti quelli che lo circondano sono ignari di tutto, fino a quando entra in scena Nao Tomori.

Nao è una ragazza inusuale, fuori dal comune, non solo per il suo carattere burbero e sfacciato ma sopratutto per la sua.. invisibilità. Nao infatti è una ragazza, colpita da Charlotte come Yuu, con il potere di divenire invisibile solo alla persona che lei sceglie di eludere e non a chiunque. Si presenta come una ragazza bassina, dai lunghi capelli argentati e due grandissimi occhi blu con la passione di riprendere con una videocamera tutto ciò che le succede, e di ascoltare dal suo mp3 instancabilmente la sua band preferita.. la stessa che amava il fratello.

Dopo uno scontro diretto con Yuu, Nao che fa parte del consiglio studentesco dell’accademia Hoshinoumi, costringe quest’ultimo a trasferirsi in tale scuola dove sono riuniti tutti i ragazzi con capacità soprannaturali o che comunque sono in procinto di svilupparne alcune. L’accademia infatti, nasce proprio per proteggere tutti quei ragazzi che sono stati colpiti da Charlotte dalla minaccia costante di poter essere catturati dalla comunità scientifica, che da sempre brama di possedere e studiare le loro capacità paranormali.

Yuu si trasferisce così, insieme alla sorella (fondamentale per il decorso della storia), nell’accademia in questione, frequentandola insieme a Nao e altri personaggi del consiglio studentesco, ciascuno caratterizzato da poteri e passati differenti. Inizia così per Yuu un’avventura alla ricerca di chi, come lui, ha sviluppato dei poteri durante l’adolescenza, che sarà scandita da eventi talvolta divertenti e talvolta traumatici ed inaspettati.

Charlotte è un manga scritto da Jun Maeda e illustrato da Makoto Ikezawa e Yū Tsurusaki. Il manga ha iniziato la serializzazione nell’edizione di settembre del fumetto di Dengeki G venduto il 30 luglio 2015 ed il primo volume di tankōbon per Charlotte, che contiene capitoli pubblicati prima della serializzazione, è stato rilasciato il 27 agosto 2015. I tankobon ad oggi disponibili sono sei.

La categoria a cui appartiene è Seinen, proprio perchè tratta dei temi abbastanza pesanti a partire da metà storia con un evento che cambia radicalmente la trama.

Un episodio OAV è stato pubblicato in allegato al settimo volume BD/DVD dell’edizione home video della serie il 30 marzo 2016, dalla durata di 24 minuti.

Da un punto di vista estetico e grafico, in Charlotte non ho trovato alcun difetto. I disegni ed i colori sono limpidi e ben dettagliati e anche l’opening dell’anime è molto carino. Tuttavia, gli evidenti buchi di trama e la velocità con cui si svolge tutta la storia con dei salti temporali notevoli, non mi è molto piaciuto. Avrei preferito una migliore caratterizzazione sia dei personaggi che della storyline. Si passa troppo velocemente da una vicenda ad un’altra e molte volte questo (almeno per me) lascia lo spettatore un pò confuso e titubante, infatti non nascono che dopo i primi due episodi volevo abbandonare la visione! Tuttavia, il personaggio di Nao, che ho molto apprezzato in quanto non è la solita eroina di sempre che spesso siamo abituati a vedere, mi ha convinta a preoseguire. Ed ho fatto bene! Un risvolto di trama inaspettato, con temi affrontati più cupi di quello che potevo immaginare dal primo episodio. In definitiva quindi consiglio Charlotte a chi vuole vedere un anime senza troppe pretese e senza farsi troppe domande e sicuramente anche a chi apprezza una protagonista femminile intraprendente e forte.

Il finale del manga è stato annunciato e rilasciato il 26 gennaio 2019. Sfortunatamente, non è mai stata pubblicata una traduzione ufficiale in inglese ed i progetti di scanlation realizzati dai fan, hanno consentito la traduzione solo dei primi capitoli. Sappiamo che il manga di Charlotte segue lo schema generale della storia dell’anime ma con alcune piccole differenze.

Ecco qui qualche scena presa dall’anime per mostrarvi il tratto dei disegni ed aiutarvi a decidere se potrebbe interessarvi 🙂

Copertine

Votazione finale

TRAMA 70%
ANIME 75%

Voto ⭐⭐⭐ / ⭐⭐⭐⭐⭐